venerdì 12 dicembre 2014

RECENSIONE: Fiabe immortali



















Titolo: Fiabe immortali
Autore: Paolo Barbieri
Editore: Mondadori
Pagine: 104
Lingua: Italiano
Formato: Cartonato con sovracopertina


TRAMA:

 C'era una volta, in un paese lontano... È l'incipit che accomuna i testi più celebri della tradizione fiabistica, storie immortali che da sempre nutrono la fantasia di lettori di ogni età.
Paolo Barbieri reinterpreta le favole e le fiabe più belle, attingendo alle versioni integrali dei testi. Tratti ardenti, atmosfere cupe, vibranti pennellate di luce e suggestioni grafiche di rara potenza ci restituiscono il cuore segreto di queste storie, ed esaltano l'essenza più vera e drammatica dei personaggi. Raperonzolo avvolta nella sfolgorante bellezza dei suoi capelli, Biancaneve, così luminosa che i neri artigli della matrigna la possono appena sfiorare, i sette nani dai volti fieri e rugosi, l'eterea Cenerentola abbracciata al più tenebroso e seducente dei principi. E poi destrieri magici, draghi alati, ambigue sirene e streghe crudeli. Creature fantastiche, ma tutte talmente reali che il loro sguardo diretto e penetrante costringe il lettore a provare emozioni pure e ancestrali.


RECENSIONE:


 
Un capolavoro. Il tratto di questo artista ci regala emozioni e brividi rappresentando le favole più famose. Principesse in pericolo, fate cattive, lupi famelici, matrigne invidiose e mele avvelenate. Favole per bambini e non solo, disegnate con vera maestria. Una sfilata di tavole a colori e non che vi farà sognare.