sabato 4 ottobre 2014

RECENSIONE: L'inquisitore di Lagoscuro
 
 
 
 
Titolo: L'inquisitore di Lagoscuro
Autore: Laura Caterina Benedetti
Editore: Amazon media EU
Pagine: /
Lingua: Italiano
Formato: Digitale
 
 
TRAMA:
 
  XIV secolo, città di Monferrante.
Teodoro Corsignani, figlio di un notabile del governatore, viene condannato a morte dall'Inquisizione; questo doloroso evento macchia il buon nome della famiglia e, con esso, la reputazione di Erminia, sorella minore di Teodoro. Suo padre Landolfo, temendo che ormai nessuno vorrà più prendere la figlia in sposa dopo l'impiccagione del primogenito, si vede costretto ad accettare la proposta di Tancredi Malatesta: questi, zio materno della ragazza, è un uomo brutale e vizioso, ma il matrimonio è l'unica via affinché lei non sia costretta ad entrare in convento.
Erminia, terrorizzata dalla prospettiva di simili nozze, sembra non avere scampo fino al giorno in cui si profila sulla sua strada l'ombra di Fiordinando di Lagoscuro: egli, freddo e potente inquisitore, offre alla giovane donna ciò che pare essere una vita peccaminosa al suo fianco, ma in apparenza l'unico modo per evitarle di divenire schiava del violento Malatesta.
 
 
RECENSIONE:
 
Erminia Corsignani è una giovane di buona famiglia, la sua storia si sviluppa durante uno dei periodi più cupi della storia. Siamo a Monferrante, un paese italiano del XIV secolo. Conosciamo quasi subito questa giovane donna di sani principi, pura come un giglio e legata alla famiglia da un amore sincero. La vediamo soffrire per l'imminente morte dell'amato fratello Teodoro, condannato dalla Santa Inquisizione. Ed è proprio durante l'esecuzione che la giovane incrocia, anche se per brevi momenti, lo sguardo del signore di Lagoscuro. Da quel momento il suo destino e quello del misterioso inquisitore saranno legati.
L'autrice, attraverso un linguaggio curato e ricercato, ci conduce per le vie di Monferrante. Attraverso gli occhi inocenti di Erminia assisteremo a fatti dolorosi e violenti, ma godremo di momenti di vero amore e abnegazione. Questo è un libro particolare, è storico ma con un pizzico di romanticismo. Mi sento di consigliarlo a tutti coloro a cui piace addentrarsi in storie serie e, a volte, crude. Ma anche a chi ama le storie d'amore, perchè sotto la patina di antichità e oltre l'oscuro periodo medievale, qui d'amore ne troverete tanto.